Ultimo saluto a don Nello Nappo, giovane sacerdote di Nocera Inferiore scomparso lo scorso 11 aprile. Oggi pomeriggio, in forma privata, il Vescovo ha benedetto il feretro nel piazzale del cimitero nocerino.

 

Ultimo saluto a don Nello Nappo, sacerdote di 31 anni di Nocera Inferiore. È morto sabato 11 aprile all’istituto “Maugeri” di Telese Terme.

Il Vescovo Giuseppe con don Nello Nappo in una foto ricordo scattata al termine dell'ordinazione presbiterale dinanzi la tomba di san Giovanni Paolo II

Don Aniello Nappo con il Vescovo Giuseppe – foto archivio Insieme

Ordinato presbitero da papa Francesco, il 7 maggio 2017, ha guidato la comunità di San Francesco di Paola di Pagani fino alla scorsa estate, quando sono cominciati i suoi problemi di salute.

È stato ricoverato prima all’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore, poi all’ospedale “Andrea Tortora” di Pagani e, infine, all’istituto “Maugeri” di Telese Terme. Dove è morto la mattina del Sabato Santo.

Il feretro del giovane presbitero è giunto oggi pomeriggio al cimitero nocerino dalla struttura sanitaria sannita. Ad accoglierlo c’era mons. Giuseppe Giudice insieme al padre, al fratello e alla sorella del sacerdote.

Il Vescovo, durante la benedizione, ha detto: «Sorelle e fratelli, salutiamo in questo momento, diciamo arrivederci in paradiso, il nostro fratello sacerdote Aniello. Abbiamo pregato, abbiamo atteso, con lui abbiamo sofferto, poi siamo entrati nel mistero del Venerdì Santo. Abbiamo ripetuto con Gesù: Padre, se possibile allontana questo calice. Però non la mia, sia fatta la tua volontà. Nel mistero del Sabato Santo, mentre noi stavamo celebrando la liturgia del silenzio, il Signore lo ha preso con sé per fargli celebrare la sua Pasqua».

Mons. Giudice ha proseguito: «Noi siamo credenti, noi abbiamo la Parola di Dio, noi abbiamo i sacramenti, noi abbiamo la fede nella risurrezione. La fede, sorelle e fratelli, non ci proibisce di piangere, ma non permette di disperarci. Diciamo ad Aniello, che abbiamo amato come un figlio, abbiamo voluto bene come un fratello, che accanto al cuore di Dio continui ad intercedere per ognuno di noi».

Il Vescovo ha detto che nei prossimi giorni farà sapere al Santo Padre della morte di don Nello. Poi ha aggiunto: «Tre mamme oggi si incontrano per accogliere Nello. C’è la