Siamo grati al dr. Alfredo Franco per questo suo studio che ha dato nuova interpretazione al calice di Angri donando agli studiosi del settore indicazioni preziose.

Ricordiamo ai lettori che  il 31/1/2010 il nostro amico, ricercatore, paleografo e scrittore di ‘Storia Patria’,è stato nominato ‘Personaggio sarnese della cultura’.
con questa motivazione: “Per la sua lodevole attività di studio e ricerca, con la quale ha contribuito ad accrescere con inedite pagine di storia, il prestigio della Città di Sarno”.

[nggallery id=18]

TRA FEDE E RAPPRESENTAZIONE DI CETO: SUI COMMITTENTI DEL CALICE ARGENTEO DI ANGRI.*

di Alfredo Franco

Dal 2008 è esposto nel Museo Diocesano “S. Prisco” di Nocera Inferiore un prezioso calice d’argento dorato e smaltato proveniente dalla chiesa di S. Giovanni Battista in Angri, la cui esecuzione è stata posta convincentemente in Napoli tra 1350 e 1375[1].

Sui lobi della base vi sono tre tondi con l’arme del donante sinora rimasta non identificata poiché le ricerche sul prezioso oggetto si sono concentrate poco sull’aspetto meramente araldico privilegiando gli aspetti stilistici e l’iconografia votiva di corredo.

Lo stemma che compare è «costituito da uno scudo con tre fiori stilizzati su una banda orizzontale ed il corpo pieno di ovuli»[2] e che, in accordo con un antico stemmario d’area campana, meglio si direbbe – in modo però meno comprensibile a chi non è avvezzo al linguaggio criptico del blasone –: troncato d’argento e di rosso, alla fascia d’oro attraversante sulla partizione e accompagnata in capo da tre rose male ordinate di rosso, in punta da sei losanghe d’argento (ordinate 3, 2, 1)[3]. In altri codici lo stemma appare con colori diversi e con la disposizione delle losanghe piuttosto varia, ma in buona sostanza l’aspetto è omografo[4]. L’arme appartiene alla famiglia De Risi ed è chiaramente uno stemma definito “parlante”, poiché le losanghe od ovuli posti nella parte inferiore richiamano alla memoria dei chicchi di riso. (figure 1 e 2)

La più antica attestazione di questa famiglia nelle nostre contrade rimonterebbe ad un giudice Sergio de Riso vivente in Nocera alla fine del secolo XII secondo la non sempre attendibile opera dei nostri eruditi[5]. La famiglia si sarebbe stabilita in Angri con Riso de Risis il