Se ti accusi, Dio ti scusa
(cfr. S. Agostino, Discorso 29)

 MESSAGGIO PER LA QUARESIMA 2017

Sono due quadretti molto diversi, capaci di cambiare la prospettiva della nostra vita. Nel primo, ci poniamo come accusatori di Dio e degli altri; nel secondo, accusando noi stessi, e non dichiarandoci sempre e solo innocenti, cominciamo a riconciliarci con Dio e con i fratelli, per poi poter sedere alla mensa domenicale. 

la donna che tu mi hai messo accanto,
che non è più ossa dalle mie ossa
e carne dalla mia carne.

 

 

Il peccato, un dito puntato verso Dio e i fratelli

Leggendo con attenzione il 3° capitolo della Genesi, si tocca con mano la profondità del dramma umano, la condizione della nostra libertà malata. Il serpente, bugiardo da sempre, angelo di luce decaduto, creatura preversa, riesce a sedurre la donna e ad instillare nell’uomo il dubbio sulla bontà di Dio, antagonista della creatura umana.

Il gioco diabolico, come sempre nella storia umana, riesce e l’umanità si scopre fragile e nuda, con gli occhi spalancati sulla precarietà umana; povertà che, in modo maldestro, essi tentano di coprire con foglie di fico. Alla brezza del giorno, Dio scende nel giardino per passeggiare e, al rumore dei suoi passi, l’uomo comincia a giocare a nascondino; un gioco che, da allora, non ha ancora smesso. Nonostante il peccato, Dio lo chiama e gli pone la prima domanda della Bibbia: Dove sei?

Domanda attuale, che gli ripete sempre e l’uomo, abitato dalla paura e rivestito di foglie, si nasconde: a Dio, a sé stessi e agli altri. Egli, sedotto dal demonio, ha paura di Dio, si è fatto di Lui un’immagine sbagliata e distorta che, se non rivista, si porterà sempre dietro, sbagliando su tutto e con tutti. Ed inizia ad accusare, cominciando proprio da Dio: la donna che tu mi hai messo accanto, che non è più ossa dalle mie ossa e carne dalla mia carne. Si interrompe così il canto nuziale dell’amoris laetitia.

Il peccato è un’accusa, un dito puntato verso Dio, verso le creature, verso il creato. E, di accusa in accusa, le relazioni si inquinano e si distruggono e la vita diventa un deserto. E il Bugiardo ride e si diverte. Una libertà malata, inquinata e intesa male (non voglio scegliere, voglio decidere!), ha rovinato l’opera di Dio e l’uomo