Dolore e gioia si danno convegno

tutte le volte che sboccia una vita.

Mistero che viene da lontano

per entrare nel tempo,

spazio di vigilia,

cammino di ritorno verso la casa

da cui un giorno siamo partiti.

Strade, sentieri, viuzze, salite,

dirupi, piazze per un riposo

che non appaga, perché sempre si vuol ripartire.

Amore e dolore, egoismo, attesa:

la vita bussa, chiama, fa ripartire.

E ti ritrovi solo,

compagna è la speranza, _

e poi… il Natale

nasce sui prati d’inverno,

Stella che guida nel viaggio di sempre.

Con Lui, Natale di sempre,

cantare è più facile,

ti aiuta a salire.

E la speranza ti invade,

ti prende la mano

nella Notte che convoca anche i lontani.

Dio è con noi!

Ma io sono con Dio?

E’ il mistero dell’uomo che va,

viandante solitario,

dimenticando che un giorno

Dio ha lasciato il suo Dio

per essere compagno nel dolore dell’uomo.

E’ Natale! E’ Mistero!